Negozio

Un cappio per Archibald Mitfold
31 Luglio 2017
Luna di miele da incubo
18 Marzo 2018
Show all

Pagine. 220
Prezzo € 13,00
ISBN 978-88-94979-01-5

Prezzo ebook € 5,99
ISBN ebook 978-88-94979-04-6

La Borsa

5,9913,00

Svuota
COD: ISBN 978-88-94979-04-6 Categoria:

Descrizione

“Il punto di partenza di La borsa può essere un po’ sorprendente. Ho cominciato a scrivere le prime righe subito dopo una discussione con mia madre per un problema davvero sciocco. Visto che lei ha sempre la parola pronta e io invece no, mi sono detta che avrei messo in scena una madre che divora la propria figlia…E poi la storia ha preso un’altra piega.”

Solène Bakowski

In piena notte, una donna se ne sta tutta sola davanti al Pantheon e stringe tra le braccia una borsa. La donna è Anna-Marie Caravelle. Quando, ventiquattro anni prima, Monique Bonneuil decide di tenere in gran segreto con sé quella piccola dall’enorme voglia color vinaccia sul viso, non lo fa solo per pietà nei confronti della bambina, figlia di un suicida e di una pazza, ma cerca qualcuno che possa alleviare la sua solitudine.  Non è di certo consapevole del mostro che ospita sotto il suo tetto e che contribuisce a creare, tenendola segregata per anni nel suo piccolo appartamento, Una visita alla madre rinchiusa in manicomio basterà infatti a risvegliare in Anna-Marie i suoi demoni e il suo passato di bambina rifiutata. Comincerà così a uccidere, “dapprima poco e poi sempre di più”, un modo per regolare i conti con la vita che fin dall’utero materno non le ha mai sorriso. Ma che ci fa ora inginocchiata in piena notte nel centro di Parigi? E che cosa contiene quella borsa misteriosa che sembra tenere come un tesoro?

Un padre si suicida all’arrivo del figlio; la madre perde la testa; un’anziana cura il bambino per interesse. Con una simile eredità c’è da essere marchiati a vita!
Ecco i link con qualche estratto delle recensioni

Non è un giallo né un thriller, forse potremmo definirlo un noir dai tratti gotici. Il libro ricorda a tratti lo stile di Amélie Nothomb, così fuori dagli schemi, così inaspettato nell’avvilupparsi della storia. Molto delicato e cupo come “Il sole dei morenti”, di Jean-Claude Izzo, re incontrastato del noir mediterraneo francese, nel quale metteva a nudo i clochard e la loro vita spezzata. Solène non lo fa con la stessa intensità, perché non è quello il fulcro della storia, ma l’empatia con cui li descrive, mi fa immaginare una Parigi dagli angoli nascosti, dalle miserie malcelate. www.milanonera.com

Scrittura impeccabile, capace, con le sue dirette descrizioni, di creare nitide immagini di situazioni nella mente di chi lo sta leggendo, suscitando in maniera vivida le sensazioni che in quel momento la scrittrice vuole trasmettere.
Un Thriller forte, in grado di evocare le paure e i sentimenti legati alla sfera affettiva e di ricordare che siamo quello che viviamo. Un racconto intenso da leggere tutto d’un fiato! www.librilamiavita.it

Il finale è a parer mio perfetto, inaspettato; è stato come ricevere un pugno allo stomaco da quanto mi ha lasciata a bocca aperta. Un consiglio? Leggetelo, leggetelo, leggetelo!!! thrillernord.it

Primo romanzo di una nuova casa editrice tutta al femminile, almeno nelle pubblicazione. Una casa editrice che cerca il giallo ed il noir nelle donne del mondo di oggi e del passato. E se questo è un’inizio, è sicuramente un inizio con il botto. www.labottegadelgiallo.com